Cosa spinge un realizzato manager e docente universitario a vivere per due mesi nella giungla - 9000 km lontano dai luoghi conosciuti e rassicuranti del proprio ambiente professionale e di vita - in questa città ideale fondata nel 1968 nell’India del Sud? Non solamente l’architettura e l’urbanistica che l’autrice ha studiato anche qui ad Auroville utilizzando il proprio metodo di interpretazione del costruito; e neanche la sola curiosità di verificare come si può vivere in una città new-age da ingegnere ed architetto del tutto distante da tali stili di pensiero tipicamente occidentali. Lo si può scoprire quando si arriva alla fine di questo racconto che è un vero e proprio viaggio nell’anima, confessione di un progettista che ha deciso di mettere in gioco le proprie certezze per verificare quanto un progetto di città possa coinvolgere ed ampliare un più impegnativo progetto di vita.

Si può riuscire a creare vere e proprie architetture in vetrina nella comunicazione del terzo millennio utilizzando un corso di 12 ore, o meglio acquisendo quelle che, da un iniziale progetto della stessa autrice, sono diventate la concreta realizzazione di due strumentazioni didattiche: il volume edito da Barbara Bartoli, ingegnere e architetto, docente universitario e libero professionista, e le quattro lezioni, di tre ore ciascuna, dalla stessa utilizzate per sviluppare vari nuclei tematici. Quelli ad esempio più strettamente imprenditoriali-produttivi, indispensabili in un qualunque contesto che intenda porre in comunicazione la domanda e l’offerta (quale appunto quello che la vetrina, e più in generale il punto vendita, mettono in costante comunicazione): e allora si ritrovano, con i preziosi spunti tratti dalla recente pubblicazione di Luigi Di Stasi (“Il Marketing: guida pratica per attuare un piano di marketing, Franco Angeli Editore, Milano 2001), argomenti quali la definizione di marketing, la creazione di valore, la valutazione delle preferenze del cliente. E poi si entra più propriamente nella comunicazione propria degli strumenti dell’architettura, attraverso le tematiche che affrontano aspetti quali l’analisi della vetrina intesa come strumento pubblicitario, o in quanto esprimente un potere di vendita intrinseco; e ancora, procedendo dall’interpretazione dei possibili effetti conseguenti al binomio la vetrina e il pubblico, si esaminano e commentano i tipi di vetrina, come pure gli strumenti per la creazione della vetrina, fra i quali ovviamente troneggia lo strategico uso del colore. Ed in un linguaggio fatto di parole-oggetti e di frasi-contesti, la vetrina nella comunicazione del terzo millennio si rivela nelle elaborazioni progettuali non come un astratta realizzazione di vetrinistica, ma al contrario come la traduzione concreta di un linguaggio che mette in comunicazione le scelte dell’esercente con quelle dell’acquirente, attraverso la sintassi che l’architettura delle immagini nei contenuti garantisce.

 

Barbara Bartoli La via Faentina e la tipologia ambientale Edizioni Moderna-Ra, Ravenna, dicembre 1999, volume pagine 105

Barbara Bartoli QUALE SICUREZZA? Una strumentazione pratica di riferimento: l’insegnamento accademico, l’esperienza professionale, l’approfondimento specifico Edizioni Moderna-Ra, Ravenna, novembre 2000, volume pagine 260

Barbara Bartoli La qualità del progetto come integrazione degli aspetti architettonici, strutturali, impiantistici Ordine degli Ingegneri di Rimini, novembre 2003, Rimini, volume pagine 176  su drive pen

Barbara Bartoli Architetture in vetrina: la vetrina nella comunicazione del Terzo Millennio Edizioni La piazza News, febbraio 2004, Ravenna, volume pagine 66

Barbara Bartoli Sostenibile dalla A alla Z: 250 schede per progettare in modo ecologico Edizioni Sistemi Editoriali Se, Napoli, settembre 2008, volume pagine 448

SU DRIVE PEN

Barbara Bartoli INDIA: la città mondiale di Auroville - il racconto Alinea Editore, Firenze, novembre 2004, volume pagine 184

Barbara Bartoli A scuola con il sostenibile Edizioni Moderna-Ra, Ravenna, settembre 2007, volume pagine 128

Il progetto, A SCUOLA CON IL SOSTENIBILE, contenuto nell’omonima pubblicazione rappresenta il non facile obiettivo di parlare un linguaggio scientifico, metodologicamente coerente e formativo, ad una compagine composta da studenti che potrebbero comprendere la fascia di età che va dalle scuole dell’infanzia fino al livello accademico universitario. Non era quindi facile improvvisare i termini di un tale approccio, peraltro in tempi così contratti, quali quelli che hanno visto maturare un iniziale coinvolgimento, innescato da Agenda 21 in collaborazione con il Comune di Ravenna al termine del 2006, e poi avviato dal gennaio 2007 e conclusosi di fatto il 25 maggio dello stesso anno. Se a questo si aggiunge poi che la materia “sostenibile” è così vaga e dispersiva nel suo complesso, in quanto si sono accumulate migliaia di definizioni scientifiche che i vari meeting mondiali ci riportano, e soprattutto si presenta così complessa nelle sue interazioni specifiche di contenuti apparentemente generali, allora c’erano in questo caso davvero tutti i termini per una sfida culturale vera. Si avevano due prerogative a vantaggio: l’avere già svolto nel campo della progettazione sostenibile l’esperienza accademica di due corsi di Elementi di Progettazione Edile (EPE, negli Anni Accademici 2004-05 e 2005-06 presso la Facoltà di Ingegneria di Bologna, Corso di Laurea in Ingegneria Edile, sede di Cesena), in cui si erano rispettivamente individuati come coordinatori per gli studenti due di loro, appunto Fatone Stefano e Vitali Gianluca, una volta esperite le loro capacità (avevano seguito e superato con me altri esami del piano di studi accademico e successivamente avrebbero presentato la tesi di laurea stessa). La seconda condizione a mio vantaggio era nel mio curriculum formativo che, avvalendosi anche di un dottorato di ricerca in ingegneria edilizia e territoriale, ha da sempre costruito strumenti di studio e di indagine sul pianeta, anche nei contesti più disparati extracontinentali, alla ricerca di un modo corretto di interpretare il costruito (alla stregua di un libro scritto dalle varie generazioni sulla superficie terrestre). Ho così adottato il meccanismo dell’IMPARA – INSEGNA, in modo da definire un percorso sostenibile in termini di apporti e collaborazioni: perché se è vero che quando si insegna si può imparare dalle reazioni e commenti dei discenti, è anche vero che sperimentando sul campo quanto si è imparato si diventa, a propria volta, insegnanti della sperimentazione di quanto acquisito.

Barbara Bartoli Botanico a Ravenna: un sogno che diventa realtà Edizioni Moderna-Ra, Ravenna, novembre 2008, volume pagine 96

Barbara Bartoli La casa passiva: standard energetici per un abitare ecologico Edizioni Sistemi Editoriali Se, Napoli, marzo 2010, volume pagine 538

Barbara Bartoli EGITTOinSETTIMANA: da Luxor ad Assuan lungo il Nilo dei Faraoni Edizioni Moderna-Ra, Ravenna, giugno 2010, volume pagine 144, pubblicato nella collana CITTÀinVIAGGIO®

Barbara Bartoli L’AQUILAnelCUORE: il progetto COSTRUIREconENERGIA® Edizioni Moderna-Ra, Ravenna, ottobre 2010, volume pagine 144, pubblicato nella collana CITTÀinVIAGGIO®

Barbara Bartoli RAVENNAdaSCOPRIRE: 25 perle di un diadema imperiale Edizioni Moderna-Ra, Ravenna, dicembre 2010, volume pagine 144, pubblicato nella collana CITTÀinVIAGGIO®

Barbara Bartoli DIECIanniINDIA: dalla CITTÀsogno alla CITTÀcapitale Edizioni Moderna-Ra, Ravenna, aprile 2011, volume pagine 144, pubblicato nella collana CITTÀinVIAGGIO®

copyright by barbara bartoli

progettazione 24 dicembre 2012

aggiornamento 0 del 24 dicembre 2012

(foto e testi protetti da copyright, elaborazioni di Barbara Bartoli, dicembre 2012)

ideazione, elaborazione e montaggio donato da DIcheCOLOREsei® per UNIVERSALMENTEweb®

Barbara Bartoli DUBAIdaSOGNO: la città dove il futuro scorre nel presente Edizioni Moderna-Ra, Ravenna, maggio 2011, volume pagine 144, pubblicato nella collana CITTÀinVIAGGIO®

Barbara Bartoli PADOVAinLUCE: la città dei miracoli nella coscienza Edizioni Moderna-Ra, Ravenna, giugno 2011, volume pagine 144, pubblicato nella collana CITTÀinVIAGGIO®